RISK-ON/OFF – Settimana N. 38 – dal 19 al 23 Settembre 2016


REPORT RISK-ON/OFFSettimana n. 38 – 19 Settembre 2016

Market overview

Come di consueto analizziamo Il quadro Intermarket globale analizzato su time frame Daily sull’intercorrelazione tra gli Asset che reputiamo i più significativi quali il Gold, EURUSD, USDJPY e Dax30/SP500 per meglio interpretare ed intercettare le fasi di Risk-ON di medio-breve, attenzione alla settimana entrante densa di eventi Macro-Economici in calendario !

Riassumiamo i Macro aspetti del Vecchio (Europa) e Nuoco Continente (USA) su cui ruota il focus delle prossime sedute e Sentiment dei Mercati mondiali:
– dall’ultima conferenza della BCE il Presidente Mario Draghi traduce in un “NULLA DI FATTO” ovvero tassi invariati a zero e come è auspicabile pensare un modo per “COMPRARE TEMPO” mantenendo una linea non definita e di attesa relativamente al prossimo passo dalla FED
– clima di attesa per la conferenza della FED il 21/09: probabilmente si saprà “come e quando” interverrà la politica monetaria sull’innalzamento graduale dei Tassi che se da un lato compensano il dato di crescita USA indiscutibile dall’altro dovrà gestire l’enorme liquidità dei vari QE (bolla ??!!) consentendo alle Aziende di alimentare gli investimenti e concorrere alla continua crescita economica reale

Monitoriamo insieme l’Asset che meglio esprime il bene rifugio, imprescindibile per la lettura dell’Intermarket ovvero il Gold che solo sopra 1375 $/Oncia decreterebbe la vera ondata ribassista (risk off) sui Mercati Azionari


TABELLA DINAMICHE RISK-ON/OFF

Tabella di riepilogo degli Asset Majors inseriti nel contesto Intermarket con valutazione delle evidenze di analisi tecnica & PDT-Pattern (Paciello Divergence Trading).

tab-risk-on-off_wk-38_2


EURUSD

Sulla scia dell’indecisione della FED, sull’imminente innalzamento dei Tassi USA e il “NULLA DI FATTO” quindi tassi invariati nella zona Euro da parte della BCE l’EUUSD rompe gli indugi violando un wedge di compressione

Livelli e configurazioni tecniche

Oscillatori ed indicatori: CCI al di sotto della “0line”

Divergenze: nessuna divergenza da segnalare

Resistenze e Supporti:  al momento la Resistenza da monitorare è la base del wedge violata in area 1.1190 ed ovviamente il Supp dinamico di lungo termine in area 1.1080

Operatività e target: la Resistenza citata sopra attenzione per chi fosse flat a eventuale pull-back ribassista in coerenza con il risk-ON, sempre Target ribassista verso area 1,1080-1.1080, area 1,1120 lo statico segnalato nelle scorse analisi risulta rilevante la sua violazione da cui è avvenuta la reazione contestualmente al rafforzamento del Dollaro USA. Di contro ritorni rialzisti con chiusure al di sopra di area 1,1315 muterà la view di breve-medio periodo quindi nelle prossime sedute sarà fondamentale monitorare la correlazione positiva con il Gold in quanto importante Market mover

eurusd_d1_report


USDJPY

Aggiorniamo la Trendline dinamica Supportiva di lungo periodo secondo i Max delle ultime sessioni, arretramento da area 104,20 a 103,15 ed al momento congestione al di sopra del Liv di 101,40 da cui è in corso una reazione in coerenza alla Fase Risk-ON di breve periodo

Livelli e configurazioni tecniche

Oscillatori ed indicatori: CCI al di sopra della “0line” ma indecisione pertanto va monitorarto nelle prossime ore

Divergenze: nessuna divergenza o logica divergenziale

Resistenze e Supporti: il riferimento permane la valenza della Resistenza dinamica di Medio-Lungo periodo in area 104.0 $

Operatività e target: eventuali ritorni verso area 101,20-100 (23,6%) nonchè liv statico supportivo rilevante nelle scorse sedute sarebbe da considerarsi un potenziale punto di accumulazione ed ovviamente maggior confidence all’accumulo vedrebbe area 100$ stante l’enorme divergenza sul CCI nel Settimanale a cui “preferiamo NON mettercisi contro”. A tal proposito in prospettiva che si manifesti tale divergenza/anomalia tra asse prezzi e indicatore, il prox Target obiettivo rialzista in area 104,20 in caso di conferma e successivo a 107,40 per poi proiettare i corsi al vero target di medio periodo posto in area 111,30. Contestualmente all’Indice Nikkey di cui rileviamo il Test di un’importante Supp dinamico di medio periodo in area 16370 con una bella Diverg ialzista in H4 sul CCI quindi ALERT si prepara ad attendere debolezza dello YEN

usdjpy_d1_report


S&P 500

Come segnalato nello scorso Report, era atteso il Test in area 2100-2120 sul Supporto statico “FORTE” in quanto Max di Swing di Medio periodo contestualmente all’ipotesi di touch su Supp dinamico di Medio periodo e diciamo che per una manciata di punti il touch preciso non c’è stato, tuttavia se tali livelli venissero violati porterebbe pericolosamente le quotazioni a ribasso su un Liv chiave di 2070 pti nonchè il 61,8% di Fibo

Livelli e configurazioni tecniche

Oscillatori ed indicatori: CCI al di sotto della “0line”

Divergenze: nessuna divergenza

Resistenze e Supporti: Supporto dinamico di medio periodo in area 2110-2120 pti/Indice

Operatività e target: attenzione alla violazione del Supp dinamico sopra @ 2110-2100 che se violato porterebbe pericolosamente le quotazioni a ribasso su un Liv chiave di 2070 pti nonchè il 61,8% di Fibo. Di contro lo scenario del SP500 inserito nel contesto Intermarket globale non muta il suo Trend a meno di uno storno fisiologico ed attendiamo il comportamento del GOLD e dell’EURUSD con i quali vige la nota correlazione negativa

sp500_d1_report


DAX 30

Sul finire della scorsa ottava il Dax dopo aver segnato ad inizio ottava un preciso touch in corrispondenza della Resistenza dinamica di Lungo periodo a segnare un pull-back preciso per la ripartenza ecco che arriva la bufera “Deutsche Bank” multata dagli USA sul discorso dei mutui sub-prime

Livelli e configurazioni tecniche

Oscillatori ed indicatori:CCI al di sotto della “0line” in zona di eccesso di Ipervenduto

Divergenze: lieve logica divergenza rialzista

Resistenze e Supporti: manteniamo il focus sull’ipotesi di tenuta della Resistenza dinamica posta in area 10300pti e al Supp intermedio, work in progress la tenuta di tale Liv resistivo

Operatività e target: in caso di tenuta il Trend rialzista (Fase Risk-ON) avrebbe il target obiettivo di brevissimo in area 10780pti sul Liv statico del doppio Max da cui è scaturito il ribasso, successivamente 10875 e 11430pti. Per chi fosse Flat è auspicabile il tentativo di accumulo su tale tenuta considerando la diverg rialzista in corso su H4 si manifesti
Di contro la violazione definitiva proietterebbe i corsi in area 10065 precedente Min di Swind di breve, restituirebbe cosi uno scenario di breve Risk-OFF come già segnalato in da valutare in termini di allontanamento da tale Liv ostico che ne ha calamitato nuovamente a ribasso i corsi

ger30_d1_report


OIL

Ci siamo lasciati le scorse ottave con le notizie sull’incontro degli Stati OPEC Russia-Cina-India in termini di diminuzione della futura domanda legata ai consumi interni prospettando pertanto un futuro calo del’oro nero rispettivamente alle qtà di scorte accumulate;  violato pertanto anche il Supp dinamico intermedio in area 44,7 $/Barile sulla scia delle News degli Stati membri dell’ OPEC Russia-Cina-India

Livelli e configurazioni tecniche

Oscillatori ed indicatori:CCI al di sotto della “0line”

Divergenze: nessuna logica o divergenza

Resistenze e Supporti: violato Supp intermedio in area 44.70 $/Barile proietatti quindi verso il Supp di medio periodo in area 41.30 $/Barile

Operatività e target:rimane per i rialzisti con chiusure al di sopra di 46 $ nonchè il 61,8% di Fibo con target obiettivo dei 49,70 $ e di contro attenzione all’attuale debolezza che attende le quotazioni in area 42.5 $ (per che fosse flat attendere un’eventuale pull-back per distribuire) e inoltre se violato l’area probabile sarebbe verso 41.30 $ un Supporto dinamico di Medio periodo molto evidente

petrolio_d1_report


GOLD

Bene rifugio quale migliore Market Mover che riflette meglio le dinamiche Intermarket; respinte le quotazioni dalla Resistenza dinamica di medio-breve al di sotto dei 1335 $/Oncia e come segnalato attendevamo il Test sul Supporto dinamico di Lungo periodo ina rea 1305 $ che sul finire della scorsa ottava è arrivato “preciso”

Livelli e configurazioni tecniche

Oscillatori ed indicatori: CCI al di sotto della “0line”

Divergenze: nessuna logica o divergenza

Resistenze e Supporti: siamo sul Test di tale Supp dinamico di lungo periodo in area 1305-1300 %  – ALERT –

Operatività e target: ribadiamo l’importanza nelle prossime sedute della direzionalità del Gold con chiari riflessi sull’Intermarket Azionario: ALERT pertanto all’evidente attacco della 0line del CCI sul TF Settimanale e nel caso violasse il liv di 1305-1300 $ il primo target ribassista risulta in area 1290 poi successivamente i 1270 $ nonchè il 61,8% di Fibo di contro lo scenario rialzista si ripeterebbe con chiusure al di sopra di 1355-60 $

gold_d1_report


FOCUS SUL FTSE-MIB

Il nostro Indice in scia alla negatività del Dax decellera velocemente e non riesce a mantenersi al di sopra dei 17000 pti inserito nel trend rialzista di medio periodo

Livelli e configurazioni tecniche

Oscillatori ed indicatori:CCI al di sotto della “0line” in zona Ipervenduto

Divergenze: nessuna logica o divergenza

Resistenze e Supporti: il Test segnalato sul Supp dinamico in area 16750-16700 pti non ha retto pertanto i corsi sono scivolati al di sotto dei 16200 pti

Operatività e target: come segnalato nello scorso Report quindi ritorni con chiusure al di sotto di area 16300 pti avrebbero mutato il quadro già delicato dell’Indice di casa nostra appesantito dai Bancari ed Assicurativi con prox target ribassisti verso area 15970 pti (Supp statico e Min di swing di breve). Tuttavia per chi fosse Flat si raccomanda di attendere l’ultimo Liv prima di eventuali riaccumuli sempre in coerenza con l’Intermarket (Dax30 & EURUSD & Gold)

ita40_d1_report


AGENDA MACRO (Fonte:www.investing.com)

agenda-macro_wk-38


Disclaimer
I contenuti rappresentati in queste pagine non costituiscono servizio di consulenza finanziaria né sollecitazione al pubblico risparmio. Poiché le indicazioni riportate vengono fornite con scopi meramente informativi, si declina qualsiasi tipo di responsabilità a carico degli autori per le eventuali conseguenze negative che dovessero derivare da un’operatività fondata sulla loro osservanza. È possibile che chiunque partecipi alla redazione di queste pagine sia direttamente interessato all’andamento dei mercati analizzati. Per quanto venga posta la massima attenzione all’esattezza di quanto pubblicato, non si può escludere l’assenza di errori su quanto elaborato manualmente, su quanto generato direttamente da prodotti on-line e off-line, su dati e quotazioni utilizzati e/o esposti. Non è possibile, inoltre, effettuare alcuna forma di controllo sulla veridicità e attendibilità di notizie/report riportati nelle varie sezioni. L’utilizzo dei dati e delle informazioni come supporto di scelte di operazioni di investimento è a completo rischio dell’utente, che deve essere assolutamente consapevole della pericolosità insita nelle operazioni sui mercati finanziari e sul forex in particolare.